GDPR 2018- il nuovo regolamento sulla privacy

Normative e Sicurezza 3 aprile 2018

  • 37
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Aggiungi a Preferiti
Aggiunto ai preferiti da 48 persone

Dal 25 Maggio 2018 il GDPR (General Data Protection Regulation UE 2016/679) sostituirà le normative nazionali in termini di privacy. Questo regolamento verrà attuato allo stesso modo in tutti gli stati dell’Unione Europea senza possibilità di adattamento. Il suo obiettivo è, infatti, quello di armonizzare la regolamentazione in materia di trattamento di dati personali tra gli stati UE.

Nel nuovo regolamento si definisce Dato Personale “qualunque informazione relativa a un individuo, collegata alla sua vita sia privata, sia professionale che pubblica […] come nomi, foto, indirizzi email, dettagli bancari, interventi su siti web di social network, informazioni mediche o indirizzi IP di computer”

Il GDPR è un meccanismo complesso e quindi per le aziende non sarà semplice prepararsi. In parole semplici, le aziende devono effettuare una revisione completa dei dati che raccolgono e trattano, verificando le basi giuridiche per tali trattamenti e quale è l’impatto di tali trattamenti per gli interessati. Fatto questo, bisogna comunicare tutto ciò all’esterno, precisando anche quali diritti hanno gli individui in relazione a tali trattamenti.

Principi generali del GDPR:

  • Liceità e correttezza del trattamento nei confronti dell’interessato: il trattamento è lecito solo quando l’interessato ha espresso il proprio consenso.
  • Trasparenza: le modalità con cui sono raccolti i dati personali devono essere facilmente accessibili e comprensibili.
  • Limitazione delle finalità dei dati: questi devono essere raccolti per finalità determinate, esplicite e legittime e successivamente devono essere trattati in una modalità che sia compatibile con tali finalità.
  • Minimizzazione dell’uso dei dati: questi devono essere sempre adeguati, pertinenti e limitati a quanto necessario per il perseguimento delle finalità per cui sono raccolti e trattati.
  • Esattezza dei dati: devono essere esatti e aggiornati.
  • Limitazione della conservazione: i dati devono essere conservati per il tempo necessario al raggiungimento delle finalità per le quali sono trattati.
  • Integrità e riservatezza: i dati devono essere trattati con un’adeguata sicurezza.

Il nuovo regolamento spiega anche meglio due concetti che erano già presenti nel Codice di Tutela dei Dati Personali:

  • Privacy by Default: le imprese dovrebbero trattare solo dati personali nella misura necessaria e sufficiente per le finalità previste. In sintesi, la necessità della tutela della vita privata dei cittadini  deve essere di default, cioè un’impostazione predefinita.
  • Privacy by Design: nel “disegnare” un nuovo processo aziendale, si deve sempre e comunque prevedere la parte che riguarda la protezione dei dati. In sintesi, si sottolinea la necessità di tutelare il dato sin dalla progettazione di sistemi informatici che ne prevedano l’utilizzo.

Questo articolo vuole fornire linee guida generali sul nuovo regolamento. Per informazioni più dettagliate consultare la guida del Garante della Privacy Italiano:  Guida all’applicazione del GDPR

Segnala un errore/problema relativo al contenuto della pagina

La tua email *

*Campi Obbligatori


  • 37
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nessun tag

4108 visualizzazioni totali, 2 oggi

  

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Commenti e Recensioni

Ancora Nessuna Recensione. Scrivine una!

Scrivi una Recensione

  • Requisiti igienico sanitari cucina ristorante

    da del 31 ottobre 2017 - 0 Commenti

    224         Aggiungi a PreferitiAggiunto ai preferiti da 73 personePossedere i requisiti igienico-sanitari è la prima condizione per aprire un’attività di ristorazione. Vediamo nel dettaglio le linee guida e i requisiti per la cucina, per il deposito e per la sguatteria. Requisiti per la cucina La cucina deve essere posta in maniera da non dover essere […]

  • "Web reputation", non tutti gli hotel sfruttano le recensioni online

    da del 14 settembre 2017 - 0 Commenti

    52         Aggiungi a PreferitiAggiunto ai preferiti da 23 personeLa reputazione di un’azienda è un aspetto non trascurabile che un imprenditore che si rispetti deve prendere in considerazione. Nell’era di internet la reputazione di una singola persona o di ente si è trasferita anche online. Creare una presenza online rispettabile è probabilmente più importante di quella […]

  • Normativa bagni bar e ristoranti

    da del 8 marzo 2018 - 0 Commenti

    97         Aggiungi a PreferitiAggiunto ai preferiti da 62 personeLe toilette sono obbligatorie in tutti gli esercizi che prevedono un’attività di somministrazione di alimenti e bevande, quindi bar, ristoranti, pizzerie e tutte le attività che prevedono una sosta. Non è obbligatorio, invece, per quei locali come pizzerie d’asporto o gelaterie dove c’è un consumo immediato o […]

  • Social Media Marketing per Hotel e Ristoranti

    da del 28 settembre 2017 - 0 Commenti

    62         Aggiungi a PreferitiAggiunto ai preferiti da 91 personeIl Social Media Marketing è una delle più grandi sfide per i manager del nostro tempo e oggigiorno rappresenta un nuovo canale di vendita e di sviluppo del business. Per questo, è fondamentale per le aziende esser presenti sui social network ma soprattutto impostare un vero e […]

  • Hotel e professionalità: Facebook e Twitter fanno la differenza

    da del 18 settembre 2017 - 0 Commenti

              Aggiungi a PreferitiAggiunto ai preferiti da 48 personeNegli ultimi anni abbiamo assistito ad un cambiamento sociale in seguito all’introduzione e alla diffusione dei social network sul web come Facebook e Twitter. Ogni tipo di opinione su qualcosa o qualcuno passa inesorabilmente attraverso questi portali che ospitano una grossa mole di visitatori che si confrontano […]