GDPR 2018- il nuovo regolamento sulla privacy

Normative e Sicurezza 3 aprile 2018

  • 37
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Aggiungi a Preferiti
Aggiunto ai preferiti da 30 persone

Dal 25 Maggio 2018 il GDPR (General Data Protection Regulation UE 2016/679) sostituirà le normative nazionali in termini di privacy. Questo regolamento verrà attuato allo stesso modo in tutti gli stati dell’Unione Europea senza possibilità di adattamento. Il suo obiettivo è, infatti, quello di armonizzare la regolamentazione in materia di trattamento di dati personali tra gli stati UE.

Nel nuovo regolamento si definisce Dato Personale “qualunque informazione relativa a un individuo, collegata alla sua vita sia privata, sia professionale che pubblica […] come nomi, foto, indirizzi email, dettagli bancari, interventi su siti web di social network, informazioni mediche o indirizzi IP di computer”

Il GDPR è un meccanismo complesso e quindi per le aziende non sarà semplice prepararsi. In parole semplici, le aziende devono effettuare una revisione completa dei dati che raccolgono e trattano, verificando le basi giuridiche per tali trattamenti e quale è l’impatto di tali trattamenti per gli interessati. Fatto questo, bisogna comunicare tutto ciò all’esterno, precisando anche quali diritti hanno gli individui in relazione a tali trattamenti.

Principi generali del GDPR:

  • Liceità e correttezza del trattamento nei confronti dell’interessato: il trattamento è lecito solo quando l’interessato ha espresso il proprio consenso.
  • Trasparenza: le modalità con cui sono raccolti i dati personali devono essere facilmente accessibili e comprensibili.
  • Limitazione delle finalità dei dati: questi devono essere raccolti per finalità determinate, esplicite e legittime e successivamente devono essere trattati in una modalità che sia compatibile con tali finalità.
  • Minimizzazione dell’uso dei dati: questi devono essere sempre adeguati, pertinenti e limitati a quanto necessario per il perseguimento delle finalità per cui sono raccolti e trattati.
  • Esattezza dei dati: devono essere esatti e aggiornati.
  • Limitazione della conservazione: i dati devono essere conservati per il tempo necessario al raggiungimento delle finalità per le quali sono trattati.
  • Integrità e riservatezza: i dati devono essere trattati con un’adeguata sicurezza.

Il nuovo regolamento spiega anche meglio due concetti che erano già presenti nel Codice di Tutela dei Dati Personali:

  • Privacy by Default: le imprese dovrebbero trattare solo dati personali nella misura necessaria e sufficiente per le finalità previste. In sintesi, la necessità della tutela della vita privata dei cittadini  deve essere di default, cioè un’impostazione predefinita.
  • Privacy by Design: nel “disegnare” un nuovo processo aziendale, si deve sempre e comunque prevedere la parte che riguarda la protezione dei dati. In sintesi, si sottolinea la necessità di tutelare il dato sin dalla progettazione di sistemi informatici che ne prevedano l’utilizzo.

Questo articolo vuole fornire linee guida generali sul nuovo regolamento. Per informazioni più dettagliate consultare la guida del Garante della Privacy Italiano:  Guida all’applicazione del GDPR

Segnala un errore/problema relativo al contenuto della pagina

La tua email *

*Campi Obbligatori


  • 37
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nessun tag

3186 visualizzazioni totali, 9 oggi

  

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Commenti e Recensioni

Ancora Nessuna Recensione. Scrivine una!

Scrivi una Recensione

  • L'Emilia-Romagna sarà la prima regione a far nascere i condhotel

    da del 16 maggio 2018 - 0 Commenti

    42         Aggiungi a PreferitiAggiunto ai preferiti da 4 personeLa prima regione che sperimenterà la nuova tipologia ricettiva dei condhotel sarà l’Emilia-Romagna (Leggi: Pronto il decreto per far nascere i condhotel). Questa nuova modalità è stata approvata con il decreto attuativo Sblocca Italia e già esiste in molti Paesi Europei. Le associazioni albergatori e la regione […]

  • Come farsi lasciare le recensioni dai clienti

    da del 2 maggio 2018 - 0 Commenti

    47         Aggiungi a PreferitiAggiunto ai preferiti da 5 personePer molti albergatori e ristoratori le recensioni sono una spina nel fianco, appena sentono nominare Tripadvisor e simili provano un certo disappunto e vivono con l’ansia di essere diffamati. In realtà le recensioni sono uno strumento potentissimo per la tua attività perché raccontano chi sei e come […]

  • L'Osteria Francescana di Bottura è il migliore ristorante al mondo

    da del 20 giugno 2018 - 0 Commenti

    36         Aggiungi a PreferitiAggiunto ai preferiti da 2 personeIl 19 Giugno 2018 l’Osteria Francescana dello Chef Massimo Bottura è stata incoronata “miglior ristorante al mondo”. L’Oscar della ristorazione ritorna nelle mani di Bottura dopo due anni (aveva vinto lo scettro anche nel 2016), durante la cerimonia che quest’anno è avvenuta a Bilbao, in Spagna. L’Osteria […]

  • Occupazione del suolo pubblico

    da del 15 maggio 2018 - 0 Commenti

    17         Aggiungi a PreferitiAggiunto ai preferiti da 5 personeGli esercizi commerciali che decidono di aprire un’area esterna attrezzata per la consumazione di cibi e bevande su suolo pubblico, necessitano del Permesso di Occupazione del Suolo Pubblico da parte del Comune di appartenenza. Questa autorizzazione serve a chiunque intenda occupare il marciapiede o parte della strada per installare chiostri, tavolini, […]

  • Toscana: prima regione italiana su Tripadvisor per ospitalità

    da del 7 giugno 2018 - 0 Commenti

    16         Aggiungi a PreferitiAggiunto ai preferiti da 2 personeLa Toscana è stata nominata la prima regione in Italia per ricettività turistica, a dichiararlo Tripadvisor, il famoso portale punto di riferimento per la pianificazione e programmazione del viaggio, dopo aver assegnato i certificati d’eccellenza per il 2018. In Italia sono stati consegnati 61.399 certificati di eccellenza ai […]